Portati a casa la maglietta e i guantoni di Hulk con Hulkblog

Dopo il precedente, Hulkblog ha indetto un altro contest con il quale potrete portarvi a casa la maglietta verde di Hulk o i suoi guantoni.

Ci sono in palio 45 premi tra magliette e guantoni.

Per l’uscita nazionale dell’Incredibile Hulk, nelle nostre sale a partire da mercoledì ecco il contest, Hulkblog  promuove questo bel contest.

Avrete infatti l’opportunità di poter ricevere direttamente a casa vostra una maglietta e i guantoni sonori del mitico uomo verde! Cosa fare per riuscire a farli vostri? Sarà molto più semplice di quanto voi possiate pensare…

Dovrete infatti… Hulkizzarvi! Verdi di rabbia, con i vestiti strappati, pronti a spaccare tutto, insomma quello che vorrete voi, basta che riusciate ad entrare nel personaggio! Ovviamente dovrete farvi una foto e mandarla in redazione, in modo da averne le prove…

I primi 45 che manderanno la propria foto ‘hulkizzata’ riceveranno a casa la maglietta o i guantoni sonori dell’uomo verde!

Dovrete mandare la vostra ‘hulkizzazione‘ a [email protected] ricordandovi di inserire nella mail anche il vostro indirizzo completo (per l’eventuale spedizione del gadget), l’autorizzazione alla pubblicazione di quanto allegato o segnalato e la vostra preferenza per il gadget da ricevere.

Sarà poi la redazione di Hulkblog a decidere a chi mandare magliette o guantoni, in base anche al livello di ‘hulkizzazione‘ raggiunto.

DAI IL TUO VOTO: 1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Nessun voto)
Loading...

1 Commento

  1. francamente non sono dell’idea che litigare sia una cosa piiotsva.litigare non serve a nulla.io non leggerf2 fumetti migliori perche9 il caos genera pif9 fumetti.il caos in se9 genera solo altro caos. e8 il caos a cui l’uomo cerca di applicare un minimo di progetto, pur lasciandolo libero, che genera energia. Se l’energia creativa non e8 comunicabile entro schemi condivisibili e comuni tra autore e lettore il fumetto e8 pura autoreferenzialite0.nel preciso istante in cui produco opere a fumetti che pubblico, ossia rivolgendomi a lettri che non conosco, devo appoggiarmi a codici che non siano comuni sulla base della esperienza autobiografica, ma sulla base di idee, valori, pensieri, realte0 di vita e di storia accessibili sia a me che al lettore. poi posso condividerle o no, ma almeno SO DI COSA SI PARLA.Hello Kitty ha una serie di codici comuni tra chi lo produce e chi lo legge. XL idem. Igort lo stesso.Se chi legge XL non capisce Igort (o Hello Kitty) e8 ANCHE (non solo) perche9 gli mancano i codici per decodificarlo. fosse pure la comprensione bruta del fenomeno “kwaii”. attenzione, non ho detto “non gli piace”. ho detto “non lo capisce”. sono due cose diverse. io posso capire una opera d’arte, e puf2 continuare a non piacermi.ma ritorno al “litigio”.non c’ero, ma sinceramente la visione di uomini adulti che litigano per questo, magari con uno che accusa l’altro di non “avere un progetto” e8 ridicola. e anche un poco patetica.cosa significa “avere un progetto”? e l’accusa “non hai un progetto” che significa? nel 99% dei casi significa “tu non segui quello che IO ritengo debba essere IL PROGETTO GIUSTO”.XL ha tutti i diritti di fare quello che vuole, e nessuno da fuori puf2 dire “non avete un progetto”, cosec come Igort puf2 fare quello che vuole o chiunque altro.non esiste un’autorite0 al di sopra delle parti che stabilisce COME debba essere un “progetto” nei fumetti. E ringrazio Dio che non ci sia, sennf2 esisterebero progetti e non-progetti, e i non-progetti dovrebbero essere scansati come sbagliati.invece non esiste NULLA di intrinsecamente sbagliato. vuoi fare XL? fallo. vuoi fare la graphic novel dove ti rimiri l’ombelico? fallo.perf2 voglio dire una cosa.trovo veramente ridicolo che la STESSA persona che attacca altri sulla mancanza di progetti al suo stand attacchi un figlio con su scritto “Dediche: Igort 15 euro, GIPI 16 euro” e altri due autori.e8 una cosa ridicola. A Roma abbiamo a piazza navona qualli col tavolinetto che per 10 euro ti fanno la caricatura.beh, vedendo quel foglio allo stand Coconino mi ha ricordato piazza navona. altro che “progetto”.quindici euro per una dedica????e allora gli autori degli altri stand che le facevano gratis sono tutti dei coglioni?Alessandro Bottero

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

:-) 
:yahoo: 
:good: 
:negative: 
:scratch: 
:wacko: 
:bye: 
:heart: 
:rose: 
B-) 
more...
 

*

Vuoi un avatar personalizzato associato ai tuoi commenti? Segui la procedura su Gravatar!

Hai ricevuto un campione omaggio da noi proposto? Hai vinto ad un concorso a premi o hai sfruttato nel migliore dei modi i buoni sconto? Inviaci la foto!:)